Logocatessitori-01
cantinapremiataslowwine2018
logo-FIVI-vettoriale-01
IMG_2277.JPG003 (2).JPGFotolia_101903907_Subscription_Monthly_XXLFotolia_129320650_Subscription_Monthly_XL
LUIGI GIORGI

IL VIGNAIOLO

Luigi Giorgi vignaiolo per definizione, oggi quasi 60 vendemmie alle spalle, ha ereditato dal padre i 40 ettari di vigneto di proprietà da sempre suddivisi tra le due cascine di Cà Tessitori in Montecalvo Versiggia, appartenente alla famiglia Giorgi, secondo testi storici locali, almeno dal 1863 e di Finigeto  a Montalto Pavese acquisita nella prima metà del ‘900; due diversi versanti collinari che si fronteggiano a circa 300 metri s.l.m.
il paesaggio collinare incantevole per la vegetazione lussureggiante delimitata qua e là da macchie di boschi, querce, acace; i suoli aziendali sono di origine calcarea, tufacea, marne e argille del Pliocene. Il clima è salubre e mitigato da correnti ascensionali marittime provenienti dalla vicina Liguria. Gli impianti più vecchi vengono oggi gradualmente sostituiti con nuovi ad alta densità di ceppi (circa 4000/4500 piante ad ettaro) mantenendo però il massimo rispetto per la natura circostante rimasta immutata nel tempo.
Luigi_giorgi
IL RISPETTO PER LA TERRA

La natura che influisce sulla vite a partire dal calore intenso dei giorni d’ estate e nella escursione termica delle notti, il cielo terso del periodo vendemmiale, il freddo dell’ inverno,  insegnano che la mano del contadino  non deve mai forzare gli equilibri climatici e del suolo ma esserne solo complementari; pertanto sintetizziamo il nostro modo di condurre la vigna :
1) Le vigne sono condotte interamente con il sistema d’allevamento a Guyot con i principi e i metodi della lotta integrata;
2) il terreno e’ inerbito totalmente o in alternativa nell’ interfila è effettuata una lavorazione con fresa interceppi con successivi tagli dell’ erba
3) le concimazioni vengono effettuate esclusivamente con prodotti organici o sovescio di leguminose
4) tutte le fasi della lavorazione, dalla potatura invernale sino alla raccolta vengono eseguite manualmente attraverso l’ impiego di manodopera specializzata
5) la Raccolta dell’uva avviene in piccole ceste il trasporto immediato alla pigiatrice  max 30 min. per i rossi,10 min. per i bianchi avviene in piccoli rimorchi per vinificar separatamente l’uva dei singoli vigneti

Luigi_giorgi_cingolo
L’ UOMO E IL VINO
Cantina_retro

In cantina si parte e si conclude da quello che dà la vigna, la nostra filosofia produttiva è rivolta al rispetto e alla tutela del consumatore , tanto nel produrre un vino vivace e giovane che rappresenti la tradizione oltrepadana, più ambiziosi vini fermi o spumanti metodo classico; lavoriamo all’insegna del  rispetto per le caratteristiche dei vitigni e delle annate. Nessuna ricerca esasperata di struttura, profumi o morbidezza ma tanta fedeltà nel riproporre il territorio e le singole annate con le proprie peculiarità, ed è proprio per questo motivo che nelle annate meno favorevoli alcuni vini non vengono prodotti ; queste sono le costanti della nostra vinificazione :


1) Fermentazione senza controllo di temperatura in vasche di cemento interrate;

2) Utilizzo di soli lieviti indigeni (spontanei) per i vini rossi;

3) Rimontaggio del mosto manuale, nessun processo di deacidificazione o chiarifica ma solo travasi;

4) Uso limitato di so2 ( da 40 a 60 mg/L per i vini rossi, da 40 a 80 mg/L per bianchi e metodo classico );

5) Vinificazione su piccole partite ( da 20 sino a 50 -75 ettolitri max. )
per identificare e raffrontare al meglio i vini ottenuti con le rispettive vigne di provenienza rispecchiando la tradizione francese dei c.d. Crus ed evidenziando quindi l’effettivo andamento stagionale ; seguendo questo criterio può capitare che alcuni vini non vengano prodotti nelle annate meno felici;

6) per i bianchi e le basi pinot nero metodo classico è prevista la pressatura soffice con mosto fiore che viene fatto fermentare a temperatura controllata.


LA CREAZIONE

Quasi tutti i nostri vini portano i nomi della vigna di provenienza : Borghesa, Zerbi, Agolo, Marona, gnese. l’imbottigliamento totale annuo varia tra le 120.000  e le 140.000 bottiglie.
I nostri vini nascono quasi esclusivamente da vitigni autoctoni tramandati dalla famiglia ( Croatina, Barbera e Pinot Nero ) e solo in minuscola percentuale da vitigni alloctoni quali Cabernet Sauvignon ( + barbera ) per il gnese, Sauvignon Blanc per l’agolo, vini che non abbiamo qualificato come doc, pur potendo, per coerenza verso il nostro territorio.
Vinifichiamo i rossi in tini di cemento con aggiunta minima di solforosa senza alcun controllo di temperatura.
La durata della macerazione è variabile a seconda della…. può durare dai tre sino a 10-15 giorni. Il mosto prosegue la propria fermentazione e affinamento nelle  vasche di cemento sotterranee sino al singolo imbottigliamento che avviene di solito dopo  un anno  o dopo 2/3 anni dalla vendemmia.
La nostra storica Cantina sotterranea, costruita oltre 70 anni fa, durante la seconda guerra mondiale, è dotata di un microclima naturale che ci permette di condurre fermentazioni senza aggiunta di lieviti, enzimi ed ogni altro coadiuvante di vinificazione e maturazione del vino.


IMG_4026.JPG
IL PINOT NERO Metodo Classico
Pinot_nero_1983

La Nostra Visione


alla nostra produzione spumantistica va dedicato un capitolo a parte rispetto agli altri vini per una molteplicità di motivi,
in primis riteniamo che tale prodotto in cui  abbiamo sempre creduto è il più significativo per il lancio o rilancio che dir si voglia del nostro territorio; l’oltrepò e la seconda zona in europa, dopo la champagne,  'e forse al mondo' nella produzione di uva pinot nero per basi spumante; è naturale quindi che il valore aggiunto qualitativo e il tratto identificatio principale della zona risieda nella produzione di grandi spumanti a rifermentazione in bottiglia (METODO CLASSICO); spumanti complessi fondati soprattutto sul concetto di terroir, vigneti storicamente vocati le cui uve negli anni 70/80 venivano conferite alle grandi case spumantistiche piemontesi dell’epoca, vigneti che sono anfiteatri naturali circondati dalla pineta incontaminata; terroir perchè i vigneti di Cà Tessitori sono situati in alta val versa, vigneti provenienti da un’area geografica delimitata che nella recente pubblicazione  “Guida all’ utilizzo della denominazione di Origine Pinot Nero in Oltrepo Pavese” viene classificata all’interno del relativo studio di zonazione come “Unità Territoriale 1”; tale unità territoriale composta di “suoli argillo-limosi di tessitura fine e profondi, con substrato soffice di natura argillo-marnosa con valori variabili e crescenti di calcare (marne)” è altresì  definita alla voce “vocazionalità” quale “area adatta in particolare per la  produzione di vini spumante ad elevato pregio”; tali vini sono unici ed inimatibili presentando un profilo “ampio e complesso, caratterizzati da note floreali superiori alla media accompagnate da sentori di frutta matura e fragranze di vegetale secco con richiami di fieno e paglia… mediamente minerale… particolarmente acido…”

CONTATTI

Azienda Agricola Giorgi Luigi – Ca’ Tessitori

Indirizzo: Via Matteotti,15 – 27043 – Broni (PV) – Italia

Email: info@catessitori.it

Telefono: +39.0385.51495

Fax: +39.0385.51495

P.iva 00313040180

Logo_catessitori-01

Copyright © catessitori

Via Matteotti,15 – 27043 – Broni (PV) – Italia


Call Us: +39.0385.51495

Create a website